Modulo in caricamento, attendere...

Modulo: pages, Dimensione: 14,12 Kb

vai al nuovo forum di truckmodel.it
M E N U
 
 

LOGIN
 

Username:

Password:



Inserisci il codice:


Registrati gratuitamente
Password dimenticata?


 

ISTRUZIONI TAMIYA
 

Nuova sezione interamente dedicata alle istruzioni dei nostri truck.
Entra


 

NEWS
 
 

STATS
 

 


 

 

I DIODI

 

 PREMESSA

Che cos'è a cosa cerve e come impiegarlo, ecco alcune domanda alle quali cercheremo di dare una risposta.

 CHE COS'E' IL DIODO

 

Il diodo è uno dei più semplici semiconduttori esistente, la sua caratteristica principale è quella di far passare la corrente continua solo in un senso. Esistono diverse varianti dello stesso e sono suddivisi in: Diodi normali, Zener e Led.

 COM'E' FATTO?

 

Sono dei cilindretti con una banda colorata su un lato che indica il polo negativo(Catodo), durante il montaggio bisogna porre attenzione alla bandina, il diodo posizionato male impedisce al circuito di funzionare.

 IL DIODO ZENER

 

E' utilizzato nei circuiti elettronici per stabilizzare una tensione continua. Questo componente, sfrutta l’effetto valanga dei diodi, condizione nella quale la tensione ai capi del diodo rimane pressoché costante al variare della corrente. Lo zener è di forma identica ai diodi normali ed è dotato di un Catodo e di un Anodo. La scritta serigrafata sul corpo (4.5, 5.1 ecc.) indica il valore della tensione di uno zener. Uno zener da 4.5 volt, ad esempio,  può essere utilizzato per stabilizzare una tensione di 4.5 volt a patto che si parta da una tensione di sorgente più elevata: 9 volt, 12 volt ecc.

 I VARI TIPI

 

diodi.jpg

 I LED

 

cesoia_metallo.jpgIl Led è un diodo luminescente (Light Emission Diode) ovvero "diodo che emette luce" e quando la corrente elettrica lo attraversa nel verso giusto, emette luce. I led possono essere tondi, quadrati e in diversi colori: bianco, rosso, giallo, verde o blu ecc. e possono essere normali o ad altissima densità. Il valore nominale di tensione di un led di è compreso fra 10 e 30 mA.

 COME FUNZIONANO

 

I led per funzionare correttamente devono necessariamente essere polarizzati, in genere il terminale positivo è quello più lungo, ma lo si può individuare con certezza osservando l'interno del led in controluce: come si vede in figura, l'elettrodo positivo è sottile, a forma di lancia, mentre il negativo ha l'aspetto di una bandierina. Per un corretto utilizzo il led ha necessariamente bisogno di una resistenza in serie allo scoco di limitare la tensione ed evitare che la stessa si posso bruciare. Diversamente dalle comuni lampadine, il cui filamento funziona a temperature elevatissime ed è caratterizzato da notevole inerzia termica, i led emettono luce fredda, e possono lampeggiare a frequenze molto alte, quindi risultano essere adatti a diverse applicazioni. Negli ultimi anni i led hanno iniziato a sostituire le comuni lampadine in torce e lampade in quanto consumano molta meno energia hanno una durata superiore e resistono meglio a urti e vibrazioni.

 I LED ROTONDI

 

La polarizzazione dei Led tondi: il piedino negativo è quello vicino all’ angolo smussato oppure il più corto dei due.

 I LED QUADRATI

 

La polarizzazione dei Led quadrati: il piedino negativo è quello più corto; per individuate la polarità di un diodo potete usare une pila a bottone tipo cr3032.

 I LED BI-COLORE

 

Per identificare un Led bicolore basta osservare la presenza di tre piedini. La polarizzazione di questo modello è cosi suddivisa: il piedino centrale è il positivo ed i due laterali sono i negarivi. Per ottenete uno dei due fasci di luce è necessario alimentare uno dei due negativi ed il positivo per ottenere una luce (rossa), viceversa per ottenere una luce di colore (verde) basta alimentare il led utilizzando l'altro negativo.

 COME SI CALCOLA LA RESISTENZA IN SERIEDI UN LED?

 

Abbiamo già detto che in serie al led occorre inserire una resistenza per limitare il passaggio di corrente; il valore di tale resistenza può essere calcolato con la legge di Ohm:
- indichiamo con A la tensione di alimentazione cui vogliamo collegare il nostro led
- indichiamo con B la caduta di tensione presente ai capi del led (per esempio di 1,4 V)
- indichiamo con C il valore della corrente che vogliamo far passare nel led
Per calcolare il valore della resistenza basterà fare la differenza fra A e B e dividere il risultato per C (il cui valore può variare, come detto, da 20 a 40 mA)
Esempio (vedere figura): vogliamo far funzionare un led con una tensione di 12 V, limitando la corrente a 20 mA (e cioè a 0,02 A) R = (12 - 1,4) : 0,02 = 530 ohm (poichè tale valore non esiste in commercio, useremo il valore standard più vicino, ad esempio 470 oppure 560 ohm).

 

 

 

 NORME DI SICUREZZA

 

ATTENZIONE !!!
cesoia_metallo.jpgCome qualsiasi altro componente, anche i diodi zener hanno una loro tolleranza, ovvero la tensione stabilizzata non avrà l’esatto valore riportato sul diodo. In altre parole sull’uscita di un diodo zener da 4,7 Volt  potremo trovare una tensione compresa tra i 4.5 volt e 5.0 volt.

I valori tensionali degli zener reperibili in commercio sono:2.7V, 3.0V, 3.3V, 3.6V, 3.9V, 4.3V, 4.7V, 5.1V, 5.6V, 6.2V, 6.8V, 7.5V, 8.2V, 9.1V, 10V, 11V, 12V, 13V, 15V, 16V, 18V, 20V, 22V, 24V, 27V, 30V.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Community
 

Utenti registrati: 2971
Registrati oggi: 0
Utenti online: 0
Visitatori online: 3904
Ultimo iscritto: Rimsguemn


 

Lingua
 

Lingua identificata:
IT
Cambia lingua


 

PARTNER
 

 


 

NEWS LETTER
 
Unisciti alle centinaia di utenti che ricevono la nostra newsletter per essere sempre informato su tutte le ultime novità del nostro portale.


 

DONAZIONE
 

 


 

FACEBOOK